fbpx

Motivazione palestra e dieta

Se stai pensando di rimetterti in forma, migliorare la tua composizione corporea o costruire il corpo dei tuoi sogni e soprattutto hai deciso finalmente di darti da fare perché ciò avvenga, devi capire fin da subito che Motivazione Palestra e Dieta devono lavorare sempre in sinergia. Si tratta di un passaggio fondamentale, poiché senza senza la giusta dose di determinazione e convinzione, non si va da nessuna parte.

Come l’alpinista, che decide di scalare la montagna più alta e si prepara con tutta l’attrezzatura tecnica di cui avrà bisogno… ma egli sa benissimo che senza una forte motivazione, senza la consapevolezza che lassù ci può arrivare, non ci arriverà mai! E questa non è solo una metafora, pensa a quelli che vogliono davvero intraprendere una spedizione in luoghi proibitivi come l’Everest. Ci vuole una preparazione di mesi e mesi prima di affrontare una prova del genere e naturalmente ci vuole il giusto focus mentale, perché se ti lasci prendere dallo sconforto, al sopraggiungere delle difficoltà, in quel caso non stai solamente rischiando di non arrivare in cima, ma rischi anche di non tornare indietro…

Anche nel Bodybuilding ci vuole sempre la giusta motivazione! Sì, proprio cosi, non basta essere informati sugli argomenti, farsi preparare le schede più fighe dai migliori istruttori o personal trainer o le diete dai migliori nutrizionisti. Se non si è davvero convinti di ciò che si vuole, se non ci credi in quello che stai facendo, i tuoi rimarranno solo sogni nel cassetto e non andrai molto lontano… anzi non andrai proprio da nessuna parte.

Molti sono convinti che il bodybuilding sia solo genetica, allenamento e alimentazione, ma non è così… in realtà la mente gioca un ruolo fondamentale. Altrimenti non si spiegherebbe come mai sono molti di più quelli che rinunciano, che non hanno risultati adeguati o che rimangono sempre fossilizzati nelle loro convinzioni limitanti. La motivazione in palestra e la determinazione nel raggiungere i propri obiettivi sono ciò che ti permettono di andare avanti. Ci devi credere!!

Mind, the most powerfull traning tool (Arnold Schwarzenegger)

La mente, lo strumento di allenamento più potente.

Come si fa ad aumentare la motivazione per allenarsi e mangiare bene?

DESIDERIO ➡️ INTENZIONE ➡️ AZIONE

Questa è la triade magica che “dovrebbe” portare al SUCCESSO…

Il problema è che là fuori, nella maggior parte dei casi, le persone hanno desideri “tiepidi“, che le portano a compiere azioni “deboli“.

Però c’è una buona notizia: in qualsiasi momento si può prendere un desiderio “tiepido” e trasformarlo in un desiderio “ARDENTE“.

COME SI FA?

Il segreto è partire! Avviare una prima azione che ti garantisca un piccolo risultato significativo. E questo primo risultato poi alimenterà il tuo desiderio, intensificandolo.

Infine, l’incremento del desiderio influirà sull’intenzione che metterai nelle azioni successive.

Un piccolo esempio?

Il soggetto che non riesce a staccarsi dalle sue pessime abitudini alimentari. Potrebbe iniziare mantenendo i suoi alimenti (in molti casi comfort food), ma spostandoli meglio nel corso della giornata e iniziando a monitorare quello che fa e che introduce (gestione calorie a macronutrienti). Sicuramente questo gli porterà dei primi risultati, anche significativi.

E poi lo farà riflettere: “Però… Se ha funzionato così, pensa quello che potrei ottenere se modificassi in meglio anche le mie scelte…“.

Da lì il passo è breve… per far diventare tutto questo, parte di uno STILE DI VITA.

“Fai ogni giorno qualcosa che ti porti un centimetro più vicino ad un domani migliore.” (Doug Firebaugh)

La motivazione deve rimanere elevata anche quando ti trovi davanti alle difficoltà, quando riceverai magari le solite critiche da amici e famigliari, sul fatto che sei fissato, che mangi in maniera strana (mentre nella maggior parte dei casi sono proprio loro a mangiare in maniera strana), tanti muscoli poco cervello e bla bla bla… tutte cose che ormai conosciamo bene, che si tramandano e perdurano negli anni e che sono sempre dettate dall’unico comune denominatore: l’invidia! Che loro provano nei tuoi confronti, semplicemente quando vedono che tu ce la fai, che tu ti sei posto un obiettivo e lo stai raggiungendo.

“Vorranno vederti fare bene… ma mai meglio di loro. Ricordatelo.”

E non fare come i disperati dell’ultimo momento,che spuntano nei soliti “periodi caldi” dell’anno (dopo Natale e dopo l’Estate) ma poi spariscono inevitabilmente nel nulla dopo due settimane; hai presente no, quelli che arrivano con i buoni propositi e si dividono in una parte a Settembre e l’altra a Gennaio, ma alle prime difficoltà gettano la spugna.

La motivazione in palestra è davvero quello che fa la differenza tra il tuo successo o meno. E la cosa vale ovviamente e soprattutto con l’alimentazione. Quando arriva quel momento in cui non esistono sgarri, quel momento va rispettato, punto. E non esiste che si dica – “va beh per una volta…” – perché il cervello interpreta quel “una volta” come un qualcosa che si può ripetere. Tieni piuttosto il tuo giorno nella settimana in cui ti premierai con UN pasto in cui potrai mangiare quello che ti pare, ovviamente con criterio. Non andare quindi a fare il bagno nella Nutella o a farti ricoprire di crema pasticcera o mangiare tre pizze o 1,5 kg di patatine fritte.

Se vuoi davvero ottenere dei risultati, la prima cosa che devi fare è lavorare su tua motivazione e ogni volta che ti viene voglia di mollare… pensa al perché avevi iniziato. Ricordati che la testa fa metà del lavoro, senza determinazione e costanza non andrai da nessuna parte.

Fammi sapere cosa ne pensi, lascia pure il tuo commento qua sotto!

Marco Ferrari - Author

Personal Trainer certificato ISSA, motivatore e grande appassionato di sport e cultura fisica. Specializzato in allenamento e corretta alimentazione sportiva. Muscoli e nutrimento impeccabile, sono il segreto per salute, prestanza e longevità. Ma ognuno necessita del suo programma...

20 Comments

  1. Michele | 6 Settembre 2011 at 00:36
     

    Ciao molti mi dicono che non posso iniziare a fare BB a 27anni perchè non crescerei a livello muscolare , secondo te questo è vero oppure l’ennesima cavolata?
    Si possono raggiungere risultati anche senza assumente BCAA, whey, e altro, i tempi per raggiungere risultati sarebbero cmq molto lunghi vero?

    Reply
    • Marco Ferrari | 6 Settembre 2011 at 00:59
       

      Ciao Michele!
      Innanzi tutto grazie per aver lasciato il tuo commento…
      Ma chi ti ha detto questa boiata? La risposta è assolutamente si!! È l’ennesima cavolata che potrebbe finire tranquillamente nell’elenco dei falsi miti del fitness, alla pari di quella che fino a 18 anni non si può iniziare perché si blocca la crescita.
      Si può iniziare tranquillamente a praticare il body building anche a 40-50-60 anni… non vedo quale potrebbe essere il problema, basta essere in buona salute ed essere disposti a fare dei sacrifici in termini di alimentazione e di allenamento e si possono ottenere grandi risultati.

      In una delle nostre Convention ISSA, il cui tema base era proprio “Muscoli per la Longevity”, abbiamo visto che con allenamento e alimentazione adeguati, si possono ottenere risultati fino a 95 anni di età, ovviamente sempre in misura rapportata.

      Puoi avere ottimi risultati anche senza assumere integratori. Si, i tempi si possono allungare leggermente, ma più che altro dipende dal tuo metabolismo. Tieni presente che non assumendo integratori dovrai assumere più cibi solidi, l’importante è garantirsi sempre il rispetto dei propri fabbisogni. In ogni caso stiamo sempre parlando di body building natural, senza uso di farmaci, quindi il discorso dei tempi è relativo.
      Saluti.
      Marco

      Reply
  2. Michele | 7 Settembre 2011 at 10:56
     

    Grazie per avermi risposto, dove vivo io, gli istruttori o pseudo_istruttori aprono palestre solo per il gusto di guadagnare e se vedono che il “cliente” a più problemi di quelli che loro possono risolvere ,a mio avviso, cominciano a raccontare boiate.
    Tu pensa che frequento questa palestra da 3 anni, senza veri e propri risultati, l’istruttore se così si può chiamare, non mi fa schede o diete o altro e devo vedermela io facendo ricerca nel web e cercando di provare schede che possano fare al mio caso.
    Con questo nuovo post ti faccio i miei complimenti, ho trovato articoli veramente ben fatti e ti fanno capire che non esiste un unico metodo per fare le cose in grande, ma esistono tanti vari metodi che con pazienza e costanza portano a risultati che fin a quel momento sembravano inarrivabili.Ho trovato molto interessante anche l’articolo “Alta statura e Body building”, dato che sono alto 1,86. Cosa dirti, continua così, sei un punto di riferimento per tutti noi…

    Un saluto Michele

    Reply
    • Marco Ferrari | 7 Settembre 2011 at 12:37
       

      Ti ringrazio molto Michele, mi fa immenso piacere vedere la soddisfazione dei miei lettori!
      Purtroppo il problema che mi stai accennando tu si verifica in una marea di palestre, più di quelle che immagini. Io stesso ho iniziato proprio così.
      Passi per le diete, poiché l’istruttore in palestra non può prescrivere una dieta, solo il dietologo può farlo, ma può sicuramente dare dei consigli alimentari. Per quanto riguarda le schede invece non esiste proprio, se non te le fa lui chi te le dovrebbe fare? Per cosa è pagato? In tal caso la cosa più saggia da fare, per non incappare in errori madornali che possano comportare anche traumi o danni alla salute, sarebbe rivolgersi ad un personal trainer esperto ed affidabile.
      Fai bene ad interessarti e studiare gli argomenti per conto tuo. Fai solo attenzione a filtrare le informazioni che trovi sul web perché ovviamente anche lì si possono trovare delle boiate.
      Mi sto impegnando a scrivere una guida completa e dettagliata che presto metterò in vendita nel sito. Ovviamente continuerò a scrivere articoli come questo e ad essere a disposizione di chiarimenti.
      Grazie e a presto!

      Reply
  3. giovanni | 24 Marzo 2013 at 03:25
     

    parole sante!!!

    Reply
  4. luciano | 30 Giugno 2013 at 23:03
     

    Ciao Marco,

    come stai? E’ un po’ che non facevo un giretto da queste parti 🙂
    Il tuo sito per me è sempre un punto di riferimento ed ora ho necessità di avere un tuo parere perchè sono giunto ad un punto di stallo con l’alimentazione ed ho pensato a due probabili errori che ti dirò subito:

    – Intestino un po’ pigro.
    – Non “sgarro” quel giorno alla settimana (es. la domenica). Dicono che “inganni” il metabolismo.

    Che cosa ne pensi?

    Grazie un abbraccio!

    Reply
    • Marco Ferrari | 1 Luglio 2013 at 14:52
       

      Ciao Luciano,
      Le cause di un intestino pigro possono essere molteplici. Di natura fisiologica, patologica, comportamentale, legate all’intestino, stress, alimentazione errata ecc.. ma qui siamo in campo di competenza medica. Chiaramente solo tu puoi sapere quali sono le tue abitudini. Spesso quando si parla di alimentazione ci si trova in carenza di fibre o alcuni minerali. Anche la quantità di acqua bevuta è molto importante.
      Per quanto riguarda gli sgarri è sempre meglio non farli…e se ci devono essere quell’unica volta a settimana, che sia entro pranzo. Generalmente invece gli sgarri sono sempre serali… che è la cosa peggiore, soprattutto se si parla di zuccheri e carboidrati in generale.
      Saluti
      Marco

      Reply
  5. luciano | 1 Luglio 2013 at 22:34
     

    Ma un intestino pigro potrebbe rallentare la definizione?

    Reply
    • Marco Ferrari | 3 Luglio 2013 at 09:07
       

      beh non è facile a dirsi, potrebbe sicuramente farti sentire più “gonfio”

      Reply
  6. luciano | 2 Luglio 2013 at 00:22
     

    Un’altra domanda che volevo farti: ma il tuorlo dell’uovo fa ingrassare, o meglio, potrebbe rallentare il dimagrimento?
    Grazie in anticipo!

    Reply
    • Marco Ferrari | 3 Luglio 2013 at 09:12
       

      Il tuorlo dell’uovo non è che fa ingrassare, dipende tutto dai calcoli che vengono fatti, troppo generico dire “fa ingrassare”, non si dovrebbero lasciare le cose al caso…in ogni caso va ricordato che sono grassi saturi, io ad esempio non lo utilizzo più in questo momento, uso solo albume, ma è una mia scelta. Ti consiglio cmq di rileggere quest’articolo.

      Reply
      • luciano | 3 Luglio 2013 at 21:10
         

        Grazie Marco!

        Reply
  7. Angelica | 10 Luglio 2013 at 20:42
     

    Ciao Marco vedo che sei davvero molto preparato.Io ho ho iniziato il body building l’anno scorso a settembre, sono stata costante, ho staccato solo due mesi a causa di una contrattura alla spalla. L’istruttore mi diede una dieta standard priva di pasta, pane, patate, pizza, dolci , mi disse che dovevo scordarmeli per sempre. Non ho mai fatto quella dieta ma mangio la pasta e il pane pochissime volte, mangio molta frutta e verdura. Moderatamente il latte, lo yogurt ed il formaggio. Il dolce solo la domenica. Le porzioni sono ridotte, non esagero mai. Eppure ho avuto pochissimi risultati in palestra. Io sono 156 cm di altezza. peso 51 kg e ho una ossatura media in quanto il mio polso misura 14,5 cm. Il mio coach dice che non tonifico molto perchè sono troppo grassa e se non tolgo tutta la massa grassa non posso rassodare. Io mangio già poco e sano, ho problemi di stitichezza e spesso sono gonfia questo si. Ma davvero sono grassa con queste misure? E poi veramente non posso rassodare se non divento pelle e ossa? Mi sento scoraggiata e vorrei mollare la palestra per non sentirmi dire che il mio impegno è inutile finchè non farò una dieta drastica. Tu che ne pensi?

    Reply
    • Marco Ferrari | 11 Luglio 2013 at 17:37
       

      Ciao Angelica, ho visto che hai lasciato una marea di messaggi tutti simili, ho cercato di unificarli.
      Allora andiamo per gradi, innanzi tutto andrebbe fatta una valutazione della composizione corporea precisa. Cmq in base ai tuoi dai, hai un BMI (indice di massa corporea) di 20.9 catalogato come normale. Il tuo WHR (rapporto vita-fianchi) è 0.72 e denota un ingrassamento di tipo ginoide catalogato come rischio per la salute moderato. La tua massa grassa potrebbe trovarsi ipoteticamente tra il 22 e il 24% ma questi ovviamente sono dati indicativi. Ciò non significa che sei grassa ma comunque hai sicuramente dell’adipe inutile da eliminare.
      Dei cibi che tu hai menzionato pane, formaggi, salumi, insaccati dovresti scordarteli anche per me, per tutta una serie di motivi ben precisi. Primo tra tutti acidità e contenuto di sodio.
      La pizza se mangiata una volta a settimana e a pranzo è accettabile. La pasta a pranzo va bene, purché sia regolata. La sera non esiste. Insomma il tutto dovrebbe essere calcolato in base al proprio metabolismo e al proprio fabbisogno energetico. Fare le cose a caso non porta molto lontano.

      Poi per il discorso massa muscolare, è proprio quello il segreto su cui bisogna concentrarsi, costruire tessuto muscolare che col tempo alzerà il metabolismo basale e farà consumare più calorie anche a riposo, donando anche un corpo più asciutto. Per cui il lavoro dev’essere specifico e calcolato come ti ho detto. Per creare massa bisogna mangiare, il giusto, ma bisogna mangiare e sollevare la ghisa! altrimenti non si va lontano.
      ti consiglio la lettura di quest’altro mio articolo:
      https://www.muscolarmente.com/allenamento-donne-lo-strano-rapporto-tra-la-donna-e-la-palestra
      Saluti
      Marco

      Reply
  8. angelica | 12 Luglio 2013 at 00:55
     

    Marco sei stato gentilissimo, chiaro e conciso. Penso che andrò dall’alimentarista perchè come dici tu le diete fai da te non portano lontano. Per quanto riguarda la palestra cercherò di aumentare i pesi gradualmente. Non ho paura di gonfiare ma di prendere contratture o peggio di creare danni all’apparato scheletrico sovraccaricandolo con pesi inadeguati. Sbaglio a pensare ciò? Per esempio la pressa orizzontale la carico di 30 Kg e ne faccio 5 serie da 15. Potrei passare a 50?

    Reply
    • Marco Ferrari | 12 Luglio 2013 at 09:05
       

      Infatti è proprio in maniera graduale che vanno fatte le cose. Ci sono fasi specifiche da percorrere in questa disciplina e la prima è il ricondizionamento. Poi passata quella fase in cui il lavoro sarà leggero e globale, si suddividono i gruppi muscolari e s’iniziano poco per volta ad aumentare i carichi.
      La pressa non è un bell’esercizio e anzi io se possibile la eviterei proprio. Quella si che sovraccarica le ginocchia. Piuttosto mi concentrerei ad imparare un esercizio fondamentale come lo squat. Che è la base di tutto e serve anche nella vita. Eseguito rigorosamente libero e non con la macchina multipower, dapprima a corpo libero senza pesi per imparare bene lo schema motorio, poi piano piano con un po’ di carico (bilanciere vuoto e così via)
      La mia filosofia, che poi è quella ISSA, è: massimo risultato col minimo rischio.

      Reply
  9. angelica | 12 Luglio 2013 at 18:23
     

    Grazie come sempre, seguirò il tuo consiglio.

    Reply
  10. Andrea | 17 Settembre 2013 at 16:52
     

    Ciao Marco, io è da un anno ormai che pratico bodybuilding, e nei primi6 mesi ho preso un sacco di massa muscolare! Solo che sono 6 mesi che non cresco più, dici di modificare la mia dieta? Cambiare allenamenti? Che consigli potresti suggerirmi?
    ps: ma come hai fatto ad avere quelle braccia?! ho visto il prima e dopo, complimentoni!

    Reply
    • Marco Ferrari | 17 Settembre 2013 at 18:07
       

      Ciao Andrea,
      gli stalli in questa disciplina sono una cosa più che normale, non si può crescere per sempre o aumentare forza per sempre. Per cui sì, occorre innanzi tutto valutare la propria alimentazione e questo significa che dovrebbe essere progettata su misura, niente cose a caso, ma in base al proprio metabolismo totale giornaliero e fabbisogno calorico. E poi occorre periodizzare l’allenamento variando tra ipertrofia e forza.
      Saluti
      Marco

      Reply

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto !!
Send this to a friend