fbpx

Integratori Pharmapure: recensione. Whey, Creatina, BCAA

A seguito di una “prova sul campo” che ho fatto personalmente con gli integratori Pharmapure, ho deciso di scrivere questa recensione. L’azienda promette prodotti con il massimo della purezza al miglior prezzo; ecco quello che ho riscontrato.

Il mondo dell’integrazione oggi è decisamente saturo di prodotti e c’è talmente tanto imbarazzo nella scelta da mettere spesso in difficoltà le persone. Sicuramente tutti vorrebbero prodotti di qualità a prezzi contenuti anzi…spesso si guarda fin troppo il lato economico della questione, tralasciando purtroppo quello qualitativo, il che non è certo qualcosa di positivo.

Pharmapure è un brand di proprietà del famoso sito e-commerce Musclenutrition, sul quale sono in vendita anche tutte le principali marche più famose e utilizzate dai vari sportivi. Io stesso faccio i miei acquisti personali da molti anni anche su Musclenutrition e posso garantirne il massimo della serietà, soprattutto nella rapidità di consegna; quasi sempre in un paio di giorni ho i prodotti in mano, spesso e volentieri anche il giorno dopo. Veramente super efficienti.

Qualche settimana fa però, mi ha contattato un responsabile di Musclenutrition (il quale ha molto apprezzato il mio sito e il mio modo di pubblicare contenuti) chiedendomi se potessi scrivere una mia opinione su alcuni prodotti della linea Pharmapure. Al che ho ricordato subito che se io consiglio qualcosa è soltanto dopo averla provata personalmente. Da sempre consiglio soltanto prodotti e articoli che io stesso utilizzerei.

Hanno così deciso di inviarmi 3 prodotti (proteine Whey, Creatina e BCAA) da testare per poi lasciare la mia opinione onesta e incondizionata. La recensione integratori Pharmapure che stai leggendo è quindi basata soltanto su mie opinioni personali.

Il marchio Pharmapure, è nato in Italia nel 2002 e se non ho capito male, la ditta dovrebbe essere di Faenza. L’obiettivo dell’azienda è da sempre quello di creare prodotti di purezza farmaceutica cercando di lasciare un prezzo che non sia proibitivo. Le materie prime usate e dichiarate sono tra le più pure e migliori…e tutte di origine Europea. Sono quindi prodotti di qualità paragonabili alle varie marche ben più blasonate.

Nel 2015 è stata creata questa nuova linea di prodotti, contraddistinta dall’ulteriore miglioramento e da innovativi processi di lavorazione. Di sicuro rappresenta la soluzione perfetta per chi cerca un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Di queste 3 categorie, due sono quelle che io ritengo in generale i principali integratori per cui vale la pena investire qualcosa: Proteine Whey e Creatina. Poi ci sono i BCAA, dei quali però non ne sono un grande estimatore a prescindere.

 

Recensione integratori Pharmapure: vediamoli uno per uno

Proteine 100% Iso Whey Pro Pharmapure

integratori Pharmapure: recensione  

*I valori possono variare in base ai gusti.

Tra i più conosciuti abbiamo la 100% Iso Whey, una proteina Whey isolata che da anni è uno dei prodotti più venduti, si potrebbe dire un vero e proprio best seller.

Esistono nei classici due formati da 908 g o da 2270 g. Ovviamente quello da 2 kg è più conveniente.

Ti dirò che, vista la qualità dei prodotti, le vendite vanno talmente bene che ogni tanto può capitare di trovarne qualcuno out of stock. I clienti sono più veloci dei fornitori!

Le proteine erano quindi quelle che m’interessavano maggiormente per questo mio test personale.

100% Iso Whey Pro è composta da Proteine Whey Isolate, Proteine Whey Idrolizzate purissime a rapidissima digestione e Proteine Whey Concentrate Coss-Flow ed Ultra Filtrate, che sono tutte ricchissime di BCAA e tutte rigorosamente delattosate (senza lattosio), quindi risulta adatta anche a chi è intollerante. Il prodotto è stato completamente riformulato per risultare ancor più digeribile ed estremamente solubile.

Per capire meglio la differenza tra isolate e concentrate ti rimando a questo articolo.

Come gusto ho provato quelle al cacao e lo catalogherei come abbastanza buono. Forse un pelino dolce, tuttavia per quanto mi riguarda non risultano affatto nauseanti (come avviene spesso e volentieri) e lascia anche una sorta di retrogusto come di amaretto. Tuttavia bisogna pur sempre ricordare che i gusti sono legati alla percezione personale, quindi risulta un pochino riduttivo il fatto che piacciano o meno a me.

Ci sono alcuni (viziati) che se le proteine non sanno di doppio cappuccino con panna e cacao non le prendono… diciamo che probabilmente i prodotti Pharmapure sono più per chi bada alla sostanza e alla qualità.

La digeribilità è ottima e io non sono certo uno con lo stomaco di ferro; così come la solubilità. Basta poco liquido come per ogni isolata che si rispetti.

Facendo il paragone con alcune altre marche, anche tra le più famose (vedi esempio le Nitro-Tech) la percentuale proteica risulta addirittura superiore ma ad un prezzo nettamente inferiore. 88 g su 100, ovvero quasi il 90%, sicuramente una delle migliori quantità ad un ottimo prezzo.

Come consistenza si prestano bene anche per delle preparazioni alternative. Qui ad esempio ho provato a creare una sfiziosa mousse proteica.

  

È stato sufficiente aggiungere un paio di grammi di gomma di guar allo shaker, con acqua e proteine e utilizzare il frullatore ad immersione per qualche minuto per ottenere una mousse con una consistenza molto gradevole al palato. Certo, se utilizzi il latte (ovviamente senza lattosio) al posto dell’acqua viene una roba da paura 😉

  

Volendo puoi trovare la gomma di guar sempre su Musclenutrition.

Vedremo di approfondire eventualmente questa semplice ricetta in un altro post dedicato.

Ho letto diversi pareri positivi anche sul gusto stracciatella e qualcuno ha avuto la particolare idea di mescolare queste Whey alla stracciatella con yogurt bianco naturale magro; direi un’ottima alternativa per la colazione o magari per merenda, soprattutto per quelli un po’ più viziati.

 

Creatine Monohydrate Pharmapure

integratori Pharmapure: recensione

Qui non è che ci sia molto da dire, la creatina è creatina…l’ho testata soprattutto per assicurarmi che non ci fossero problemi a livello gastrointestinale, cosa molto frequente con questo tipo di integratore (monoidrato).

La cosa sicuramente interessante è la consistenza della polvere, che ho trovato decisamente apprezzabile nella sua “sofficità”, il che la rende più facile da miscelare.

Questo probabilmente è dovuto al fatto che, come dichiarato anche dal produttore, è una polvere micronizzata a 200 mesh. Il mesh è l’unità di misura, riconosciuta a livello internazionale, che definisce lo standard di una polvere. Portare questo valore a 200 mesh significa alzare lo standard di qualità in modo netto, semplicemente perché la polvere si presta meglio ai vari passaggi e trasporti nel sangue e nell’organismo, il che vuol dire anche maggior biodisponibilità.

Per provare a rendere maggiormente l’idea ho messo un po’ di polvere di Creatine Monohydrate Pharmapure su una superficie e affianco ho fatto lo stesso con la creatina di un’altra marca (Natroid Creapure®).

Come puoi notare ingrandendo l’immagine, quella di sinistra ha una consistenza ben diversa (toccandola dà quasi l’idea di farina o zucchero a velo) e probabilmente questo aiuta maggiormente con la “solubilità”, che già di per se con la monoidrato è sempre piuttosto problematica.

Di mio ho notato segni positivi sulla disponibilità energetica durante il workout. Non ho fatto la fase di carico ma ho utilizzato il protocollo di assunzione in cronico di 3-5 g al giorno costanti.

Ricordo che la creatina ha senso di essere integrata in particolar modo durante cicli di forza. Il perché di questo l’ho spiegato bene in questo articolo, assieme alla delucidazione sui dosaggi.

 

BCAA 8:1:1 Kyowa Pharmapure

integratori Pharmapure: recensione

Come detto poco sopra non sono mai stato un estimatore dei BCAA (aminoacidi ramificati) in generale, anzi per quanto mi riguarda sono probabilmente uno degli integratori più sopravvalutati di sempre, soprattutto in condizioni di alimentazione normocalorica o ipercalorica. Per approfondimento consiglio la lettura di questo articolo.

Tuttavia in alcuni casi può avere un senso prenderli in considerazione e so bene che molti ne sono veramente affezionati e non riescono a farne a meno.

Ho testato quindi anche questo specifico prodotto, soprattutto per assicurarmi che anche qui non ci fossero problematiche.

Nello specifico, BCAA 8:1:1 Pharmapure si differenzia dai classici 3:1:2 o 2:1:1 e utilizzando un rapporto di 8:1:1 fornisce un alto dosaggio di L-Leucina ai muscoli. Alcune ricerche hanno dimostrato che la Leucina è il BCAA con il potenziale anabolico più alto e questo dovrebbe attivare maggiormente la sintesi proteica muscolare tramite l’mTOR. Personalmente non sono così convinto della reale necessità di questo tipo di formulazione…

Pur essendo con rapporto 8:1:1, vanno assunti con gli stessi principi e dosaggi delle altre titolature.

Sono aminoacidi di purezza certificata Kyowa e qui apro solo una piccola parentesi su cosa si intende quando si parla di Kyowa. È un indicatore di qualità farmaceutica e solo chi ha superato test specifici può mostrare il marchio Kyowa. La certificazione Kyowa o Ajinomoto garantisce la qualità delle materie prime impiegate.

Kyowa è un’azienda Giapponese (così come Ajinomoto) leader nel mondo delle biotecnologie e della sintesi chimica, con succursali in tutto il mondo, compresa l’Europa.

È molto famosa nel mondo dell’integrazione per la qualità delle materie prime, per i rigidi controlli sui sistemi di produzione, le numerose certificazioni internazionali di qualità e l’analisi qualitativa sul prodotto finito.

Le recensioni di altri utenti su questo integratore BCAA 8:1:1 Pharmapure, sul lungo termine, hanno riscontrato effetti positivi soprattutto per quanto riguarda il recupero post workout.

 

In conclusione di questa mia recensione sugli integratori Pharmapure, posso dire che il mio parere personale è stato decisamente positivo.

Voglio solo ricordare che gli integratori, come dice la parola stessa servono appunto per “INTEGRARE”, non per aggiungere. Il che significa che tutto deve sempre avere una logica ed essere incastrato in una pianificazione corretta.

La cosa sicuramente più importante e basilare è preoccuparsi prima di tutto di avere una corretta alimentazione specifica e personalizzata in base alla propria composizione corporea e attività quotidiane. Non serve a nulla inserire integratori a caso, solo per sentito dire, se poi tutto il resto della giornata è lasciato alla casualità o peggio ancora se non si sa come mangiare.

Come sempre una logica di equilibrio e di buon senso.

 

Marco Ferrari - Author

Personal Trainer certificato ISSA, motivatore e grande appassionato di sport e cultura fisica. Specializzato in allenamento e corretta alimentazione sportiva. Muscoli e nutrimento impeccabile, sono il segreto per salute, prestanza e longevità. Ma ognuno necessita del suo programma...

5 Comments

  1. Guglielmo Cornelli | 26 Ottobre 2017 at 14:34
     

    Ciao Marco, vorrei chiederti se la creatina (e i BCAA) è meglio assumerli in polvere o in caps e perchè.

    Personalmente prediligo la forma in capsule, più comoda perchè sono in giro tutto il giorno, ma vorrei capire se, a livello di assorbimento, sia meglio o peggio (o indifferente).

    Grazie :=)

    Reply
    • Marco Ferrari | 27 Ottobre 2017 at 07:01
       

      Ciao Guglielmo, sostanzialmente possono andare bene entrambe…personalmente però ho sempre ritenuto la classica creatina monoidrato in polvere, la miglior forma da scegliere, sia per quanto riguarda la solubilità, già di per se poco ottimale del prodotto, che per l’assimilazione.

      I BCAA è indifferente che siano in capsule o polvere…resta in ogni caso il fatto che si tratta di uno degli integratori più sopravvalutati di sempre, ne avevo parlato meglio qui:
      https://www.muscolarmente.com/aminoacidi-essenziali-e-ramificati
      Saluti

      Reply
  2. Guglielmo Cornelli | 27 Ottobre 2017 at 09:33
     

    Ciao Marco, ti ringrazio per la cortese risposta … hai, eventualmente, qualche marca da consigliare?

    Si, sui BCAA ho letto parecchio e, almeno lato sintesi proteica, li ritengo pressochè inutili … come anche la glutammina.

    Visto che devo mirare molto l’ integrazione per motivi di portafoglio, non mi faccio sicuramente mancare la creatina e le Whey: l’ importante è l’ alimentazione + ottimi allenamenti.

    Grazie ancora per le info 🙂

    Reply
    • Marco Ferrari | 27 Ottobre 2017 at 19:15
       

      No Guglielmo, non ho marche particolari da suggerire. Consiglio solo di scegliere possibilmente prodotti che utilizzino materia prima Creapure®.

      Reply
      • Guglielmo Cornelli | 28 Ottobre 2017 at 10:09
         

        Perfetto, seguirò il tuo consiglio! Grazie ancora 😉

        Reply

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto !!
Send this to a friend