fbpx

Carne Grass Fed in Italia. Perché sceglierla, dove trovarla

Grazie alla diffusione di approcci alimentari più salutari, sicuramente più adatti al nostro organismo (e più attenti alla sostenibilità), sempre più persone, sono finalmente interessate alla ricerca di carne Grass Fed in Italia.

Per qualcuno è un vero e proprio piacere, per qualcun altro solo una necessità (nel mio caso entrambi!) la carne è spesso oggetto di discussioni “salutistiche“. Indubbiamente, quando si deve scegliere il prodotto da acquistare, è più che auspicabile puntare al massimo della qualità, indipendentemente dal tipo di dieta seguita (Paleo, Mediterranea ecc.). In questo caso la carne Grass Fed rappresenta indubbiamente l’eccellenza e il massimo della sicurezza alimentare.

Mangiare carne è una scelta personale vincente, per quanto riguarda l’apporto proteico/nutrizionale, anche oggi nell’era del proselitismo (e terrorismo) alimentare vegano. Purtroppo, come in molti casi, ci si ferma troppo spesso alla crosta della verità o alle distorsioni. La facilità con cui si possono buttare in piazza pareri personali, spacciandoli per verità, è una seria minaccia al concetto di divulgazione.

La carne rossa è stata una delle tante (e non certo l’unica) vittime illustri di questo malcostume, sulla quale è stato detto tutto e il contrario di tutto. Quando la scienza pubblica dei dati nel suo linguaggio tecnico, nel leggerli, se privi di una guida nella loro interpretazione, si rischia di cadere nell’equivoco e di giungere a conclusioni errate.

Dal punto di vista salutistico, i possibili rischi, derivano unicamente da una scelta di prodotti di cattiva qualità, tagli troppo grassi, ma soprattutto dal consumo di carni conservate e trattate (salumi, insaccati, scatolette ecc), di cui spesso si fa un vero abuso per gusto e comodità, nonché da metodi di cottura aggressivi e dalla non associazione nello stesso pasto di verdure antiossidanti e alcalinizzanti.

Nel consumo di carne rossa, dal punto di vista delle abitudini, bisognerebbe scegliere principalmente tagli magri e fare solo leggere scottature come cottura. Dentro, la carne, deve essere AL SANGUE! Oltre ovviamente scegliere appunto materia prima di qualità, come quella di cui sto parlando in questo articolo. In caso contrario, sul consumo di carne rossa, conviene comunque attenersi alle linee guida dell’AIRC, che suggeriscono di non superare le tre porzioni a settimana.

E devo dire che personalmente, mi avvicino già in maniera naturale a queste linee guida, alternando abitualmente il consumo carne rossa con quello di altre fonti proteiche nobili, come carne bianca, pesce, uova, albume ecc. Tuttavia, consumando carne Grass Fed, con tagli adeguati, sarò sincero, non mi faccio certo dei problemi se quelle volte diventano 4 anziché 3!

Principalmente utilizzo parti come la coscia, dalla quale ricavo delle fettine, degli hamburger… e a volte la consumo anche cruda! (battuta al coltello). Mentre altri tagli più succulenti, quindi con un po’ più di grasso, come costate, sottofiletto e simili, mi limito a consumarli una volta a settimana.

Chiusa la parentesi, torniamo alla nostra cara fettina e alla carne Grass Fed in Italia. Ma innanzitutto che cosa significa Grass Fed?

Letteralmente “alimentata a erba”. Si tratta dunque di  carne di “bestiame allevato al pascolo e alimentato a erba”. Gli animali in questo caso non sono mai stati alimentati con cereali, non vengono mai somministrati farmaci (se non in caso di necessità) e non sono cresciuti in cattività, in luoghi chiusi e spazi ristretti.

La dicitura “biologico”, pur rappresentando un prodotto di qualità, in questo caso non è sufficiente a garantire che l’animale sia effettivamente Grass Fed.

Il modo in cui viene allevato e alimentato il bestiame, determina la qualità della composizione della carne. Le sostanze nutritive possono quindi variare a seconda di ciò che le vacche mangiano.

I nostri antenati si nutrivano di animali che vagavano liberi, mangiando ciò che trovavano in natura.

Ed è proprio questo il principio della filosofia Grass Fed, allevare il bestiame al pascolo e non dentro luoghi chiusi e spazi angusti e lasciare che esso si nutra soltanto di erba, come dev’essere nella sua natura.

carne grass fed in Italia

I bovini non dovrebbero mangiare cereali!

A dir la verità, molti dei cereali comunemente abusati in abbondanza, non sono il massimo nemmeno per noi, soprattutto quelli contenenti contenenti grandi quantità di glutine, ma questa è un’altra storia…

Gli animali allevati convenzionalmente, si nutrono dapprima del latte delle loro madri, poi vengono lasciati liberi di pascolare e mangiare erba (non sempre), ma raggiunti i 6-12 mesi di vita, vengono spostati in recinti o altre strutture, spesso purtroppo pessime, come accade negli allevamenti intensivi. Qui gli animali vengono detenuti in condizioni antigieniche, fortemente stressati, in habitat affollati, dove possono muoversi solo per pochi centimetri in ogni direzione e vengono nutriti a forza con cibi e farmaci che non sono assolutamente naturali per loro. Tutto questo costringe l’animale ad una vita molto deprimente e allo stesso tempo distrugge l’ambiente.

Questa sola ragione è una delle poche cose sensate su cui si dovrebbe essere d’accordo con vegetariani e vegani nella loro lotta al consumo di carne e sui diritti animali… Ma non c’è bisogno di essere un vegetariano per rispettare gli esseri viventi. Un allevamento Grass Fed, rispetta pienamente l’etica dell’ambiente e degli animali stessi.

Come dicevo, dopo i 6-12 mesi l’alimentazione del bestiame allevato convenzionalmente cambia ed essi vengono rapidamente ingrassati e gonfiati con mangimi a base di cereali, di solito a base di soia o di mais, in questo modo la carne risulta poi intrisa di acqua, zuccheri e sostanze infiammatorie.

Quando le vacche mangiano mais e soia non solo ingrassano e gonfiano, ma si tratta di un tipo di grasso non ottimale!

La carne di animali Grass Fed contiene meno grassi totali, ma è la composizione degli acidi grassi a essere molto diversa, in particolar modo il rapporto tra omega-3/omega-6. Questi ultimi sono importanti regolatori dell’infiammazione e perché questo processo avvenga correttamente, la loro presenza deve essere bilanciata. Gli omega-3 sono antinfiammatori, mentre gli omega-6 sono pro-infiammatori; noi abbiamo bisogno di entrambi i grassi ma nella giusta proporzione.

La nostra alimentazione moderna è però sempre troppo ricca di omega-6 a scapito degli omega-3 e questo contribuisce ad avere maggiori processi infiammatori. L’infiammazione è causa di quasi tutte le malattie moderne… quelle cardiache, i problemi digestivi, l’obesità, lo stress, il diabete, le patologie tumorali ecc.

Ecco le differenze principali:

  • I grassi saturi e monoinsaturi sono molto simili nelle due tipologie di carne.
  • Gli Omega-6 sono leggermente inferiori negli animali nutriti con erba.
  • La grande differenza sta però negli Omega-3, dove la carne Grass Fed può contenerne fino a 5 volte di più rispetto a quella nutrita con cereali.
  • Infine nella carne Grass Fed si può trovare circa il doppio di Acido linoleico coniugato (CLA).

Riassumendo, il manzo nutrito a erba può contenere dunque un po’ meno grasso totale, ma molti più Omega-3 e CLA, che sono entrambi molto benefici per la salute. Attenzione, il CLA è benefico finché viene introdotto appunto con la normale alimentazione, non serve l’integrazione con i barattoli colorati e anzi, ha dimostrato di essere anche dannosa.

Ora, non sto certo affermando che si dovrebbe consumare carne Grass Fed per garantirsi gli omega-3, ma perlomeno si evita di concorrere ulteriormente in un bilancio già negativo. Pur essendo ottimizzata in tal senso, questa non sarà di certo sufficiente a garantirci un apporto totale ottimale di omega-3, ma sarà in ogni caso necessario curare tutta la dieta in generale, assicurandosi il consumo di altre fonti (pesce pescato in primis) e nonostante tutto, è molto probabile che serva comunque l’integrazione di omega-3. Argomento trattato bene in questo articolo.

E infine, cosa non certo da poco, c’è una grossa differenza al palato, nel gusto della carne stessa! Quella Grass Fed ha un sapore molto più intenso e particolare, a volte ricorda quasi la selvaggina.

Nella ricerca del tuo fornitore di carne Grass Fed in Italia, ricorda di assicurarti che non vengano somministrati cereali agli animali in nessun momento della loro vita, nemmeno nell’ultima parte… Se vuoi essere sicuro di acquistare carne realmente Grass Fed.

Dove trovare carne Grass Fed in Italia?

Se hai la fortuna di vivere in paesi come la Svizzera, praticamente tutto il bestiame è Grass Fed!

E in Italia? Ci sono, purtroppo non sono molte le aziende ma ci sono!

Qui di seguito riporto un elenco di allevatori e macellai che trattano carne Grass Fed in Italia. La cosa assolutamente positiva è che molti vendono online e spediscono a casa, quindi se possiedi un congelatore abbastanza grande, puoi acquistare anche grandi quantitativi, ad un prezzo sicuramente inferiore. Purtroppo non sono certo che i link dei vari siti siano sempre attivi e funzionanti, in caso contrario, cerca il nome dell’allevatore e/o dell’azienda su Google, per eventuali riferimenti o contatti.

 

PIEMONTE

Parto dal Piemonte e nello specifico da Torino, poiché è anche la mia città di origine, nella quale ho avuto quindi la fortuna di conoscere di persona questo macellaio:

Macelleria Marco & Elisa

Località: Torino

Sito web: http://macelleriamarcoelisa.com

(Vendono e spediscono online)

Su di loro posso garantire personalmente per quanto riguarda la qualità e l’affidabilità, in quanto sono un soddisfatto cliente. Inoltre, mi sono fatto consegnare le analisi di laboratorio che mettevano a confronto il loro vitellone di razza Piemontese – Fassone (già un’ottima carne) con il loro Black Angus Scozzese Grass Fed.

Sugli altri venditori di carne grass fed in Italia che seguono in elenco, purtroppo, non posso dare il mio riscontro personale, in quanto non ho mai acquistato. Ovviamente la sezione commenti in basso è aperta a tutti ed è qui apposta anche per recensire, aggiungere altre aziende o segnalare eventuali anomalie.

 

Allevamento Morag Fold

Carne all’erba di bovini scozzesi highland, certificati biologici dal 2009.

Località: Spaccio aziendale, Via Sonetto 38 – Almese (TO)

Riferimenti: sig.ra Donatella Acella, cell +39 333 3118820, e-mail: [email protected]

Sito web: https://moragfold.it

 

Cascina Lissona

Località: Asti (Piemonte)

Sito web: http://www.agriturismocascinalissona.com

 

Fattoria l’Aurora

Per ovini, galline, uova e cinghiali selvatici

Località: Fabbrica Curone (AL)

Sito webhttp://www.fattoriaaurora.it/index.php/chi-siamo

 

Azienda Agricola Franco Flavio

Località: Carrega Ligure – AL

Sito Web: http://www.aziendaagricolafrancoflavio.it/section.php

 

 

FRIULI-VENEZIA GIULIA

Stato Brado

Località: Udine

Sito web: http://www.statobrado.it

Pagina Facebookhttps://www.facebook.com/AngusStatoBrado.grassfed

 

Società Agricola Samsa Paolo e C. s.s.

Località: Gorizia (GO)

Sito Webhttp://www.parcorurale.it/site

 

 

LIGURIA

La Chianina

Macelleria, paninoteca, carne alla piastra

Località: Genova

Sito web: http://www.lachianinahamburger.com

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/hamburgerdi.chianina

 

 

LOMBARDIA

Higlands Italia

Vendita online carne Grass Fed

Località: Piazzolo (Bg)

Sito web: http://highland-italia.com

 

Macelleria Masseroni

Località: Milano

Sito web: http://www.macelleriamasseroni.it

 

Macelleria Popolare Biologica Grass Fed

Località: Milano

Sito web: http://www.mangiaridistrada.com/#sixth

 

Azienda Agricola “La Gambisa”

Località: Sondrio

Sito web: http://www.lagambisa.it

 

Azienda Agricola di Josie

Località: Osmate (Va)

Sito web: http://www.agriturismo-josie.it/index.asp

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/Spaccio-carni-Azienda-Agricola-di-Josie-147103199030485

Email[email protected]

 

 

VENETO

Azienda agricola Biasia Sergio

Località: Padova

Sito web: http://www.carne-biologica.com

 

Macelleria Carlo Alberto Food

Località: Verona

web: https://macelleria-online.it/

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/macelleriacarloalberto

 

 

EMILIA ROMAGNA

Azienda Agricola Melwill

Località: Guiglia (Mo)

Spaccio aziendale: Zocca (Mo)

Sito web: http://www.aziendagricolamelwill.com

 

Allevamento delle Brume

Località: Fiumalbo (Mo)

Sito web:  (non pervenuto)

Tel: 328 1781522 / 393 2248835 / 0536 74444

 

Castello di Faraneto

Azienda agricola, bovini razza Highland

Località: Coli  (PC)

Sito Webhttps://castellodifaraneto.wordpress.com/

 

SICILIA

Azienda Campione Gambino

Località: Cattolica Eraclea (Ag)

E-mail[email protected]

Profilo Facebookhttps://www.facebook.com/profile.php?id=100009570769330

 

Macelleria Giaccone

Località: Palermo, via Lanza di Scalea 1581

Tel: 091 243180 – Cell: 3928552321

 

La Ranteria

Bovini allevati allevati al pascolo allo stato brado tutto l’anno

Località: Montemaggiore Belsito (PA)

Sito web: http://www.laranteria.it

 

 

SARDEGNA

Azienda agricola Marco Asara

Località: Località Putzolu (Olbia)

Sito Webhttp://www.marcoasara.com/index.php

 

SVIZZERA

Allevamento Alta Magliasina

Località: Breno

Sito Webhttp://www.almafold.ch

 

VENDITORI ONLINE

Grass Fed Europe

Sito web: http://www.grassfedeurope.com

 

Grass Fed Italia

Sito web: http://www.grassfeditalia.com

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/grassfeditalia

 

Lem Carni

(in collaborazione con Dipartimento di scienze Mediche Veterinarie di Bologna)

Sito webhttp://www.lemacasa.it

Pagina Facebookhttps://www.facebook.com/ERBA-Bovino-allevato-ad-Erba-809851239098347

 

Aiutami a tenere aggiornato l’elenco!

Se scopri un allevatore o un macellaio nella tua zona, che tratta carne al pascolo, allevata e nutrita come spiegato finora, sarò felice di inserirlo nell’elenco dei venditori di carne Grass fed in Italia.

Ricorda che per un’alimentazione sana, in base a questi principi, anche il pollo dovrebbe essere scelto possibilmente ruspante (allevato all’aperto), le uova da galline allevate all’aperto, il pesce preferibilmente pescato e non allevato (come il salmone selvaggio) e così via. Ottima anche la selvaggina!

Il cibo di qualità ti fornirà tutti i nutrienti necessari per una vita sana. I pochi euro in più, spesi magari per acquistare della carne Grass Fed e dei prodotti biologici, ti ripagheranno in termini di sapore e soprattutto qualità nutrizionale.

Lascia pure il tuo commento qua sotto, aiutami ad arricchire l’elenco! E condividi il post sui Social Network.

Marco Ferrari - Author

Personal Trainer certificato ISSA, motivatore e grande appassionato di sport e cultura fisica. Specializzato in allenamento e corretta alimentazione sportiva. Muscoli e nutrimento impeccabile, sono il segreto per salute, prestanza e longevità. Ma ognuno necessita del suo programma...

37 Comments

  1. Dario | 1 Ottobre 2015 at 23:09
     

    Ottimo! Finalmente saprò dove andare a comprare la carne Grass Fed a Milano 😀
    Ho provato anche la carne biologica BIO Almaverde. Voi cosa ne pensate?
    Comunque segnalo che il salmone selvaggio dell’Halaska si trova nei supermercati PAM.

    Reply
    • Marco Ferrari | 2 Ottobre 2015 at 09:54
       

      Ciao Dario, come ho detto nel post la carne Bio è sicuramente un prodotto superiore alla media, ma non è garanzia che sia Grass Fed. Per quanto riguarda la marca da te citata non posso darti un parere non avendola mai provata direttamente ma sono nomi un po’ troppo commerciali per i miei gusti.
      Confermo per salmone selvaggio dell’Alaska anche ai supermercati PAM di Torino; ottimo prodotto!
      Saluti

      Reply
  2. Sandra | 28 Ottobre 2015 at 14:58
     

    Ciao Marco,
    leggendoti mi confermi il mio sospetto. Sono diventata vegetariana per forza maggiore!!! Mangiavo di tutto e da sei anni non posso toccare ne carne e tanto meno pesce… Problema? Certo!!! Ne sono diventata intollerante e ogni qual volta la mangio finisco sempre con una bella e vera colite!!! Ho supposto secondo il mio parere da inesperta che non è tanto la carne o il pesce a darmi noia, ma tutto il mangime, ormoni, farmaci e robaccia varia che danno da mangiare agli animali. Ogni tanto provo a reinserirla nella dieta, ma ho sempre gli stessi risultati. Proteine? Da formaggi, legumi, uova (da allevamenti fidati) etc… Per farla breve sono d’accordo con quanto hai scritto e abitando a Reggio Emilia proverò ad andare a Modena dove hai indicato per acquistarne un po… vediamo se il mio metabolismo reagisce in modo diverso.
    Intanto grazie per i tuoi articoli sempre interessanti, ma che soprattutto fanno ragionare…
    PS: i medici mi dicono che non ci sono mezzi per verificare questa mia reazione alla carne e al pesce!!!

    Reply
    • Marco Ferrari | 28 Ottobre 2015 at 19:31
       

      Ciao Sandra, grazie per aver letto con interesse e per aver lasciato il tuo commento.
      Non posso certo garantirti che tu riesca a tollerarla, però l’unico cosa che puoi fare effettivamente è testare.
      Lo stesso vale anche per il pesce, hai mai provato ad acquistare ad esempio del salmone selvaggio dell’Alaska anziché quello classico da allevamento? Composizione e ovviamente gusto totalmente diversi.
      Facci sapere com’è andata!
      Saluti

      Reply
  3. Federico | 17 Gennaio 2016 at 13:52
     

    Ciao Marco o letto l’articolo, grazie per avermi dato una idea su come mangiare ancora più sano, purtroppo almeno per il momento non ho la possibilità di acquistare carne grass feed visto i suoi costi soprattutto anche nei momenti in cui alzo l’introito proteico nei giorni di duro lavoro muscolare.
    Ma vorrei chiederti e avere conferma per la carne che vende il tuo macellaio di fiducia, anche la carne di altri animali che vendeno ( maiale, pollo, ecc ) sono dei buoni prodotti?
    Grazie e a presto!

    Reply
    • Marco Ferrari | 18 Gennaio 2016 at 09:35
       

      Ciao Federico, grazie per aver letto con interesse e per aver lasciato il tuo commento.
      Tieni presente che 19 euro al Kg non è affatto da vedere come un problema di costi…basta solo scegliere il taglio giusto. Ad esempio io faccio tritare la coscia e poi o la mangio cruda o ci faccio degli hamburger. Se guardi i prezzi della carne nelle varie macellerie e li confronti con quella Grass-Fed, noterai che non c’è poi tutta questa differenza. Ovviamente qui non si va certo a confrontare la carne in offerta al supermercato, ma quella non la prendo nemmeno in considerazione…
      Per il resto il macellaio da cui mi fornisco io vende anche altra carne di buona qualità, ad esempio il Fassone Piemontese è indubbiamente un ottimo prodotto. Anche per i polli ci sono quelli allevati all’aperto e se vengono acquistati interi il prezzo è ottimo. Per il maiale non saprei dirti, è una carne che non utilizzo e francamente nemmeno ne consiglio un uso frequente.
      Saluti

      Reply
      • Federico | 18 Gennaio 2016 at 15:13
         

        Grazie per avermi risposto.
        Grazie sono felice di sapere queste notizie e tue esperienze.
        Cercherò di confrontare e farmi una idea della carne nella mia macelleria di zona.
        A presto e aspetto come sempre tuoi articoli.

        Reply
  4. Marco | 29 Marzo 2016 at 11:12
     

    Buongiorno, vorrei segnalare anche la mia azienda agricola in Emilia Romagna dove allevo bovini razza Highland allo stato brado

    Azienda: Marco Ferreri
    Sito Web: https://castellodifaraneto.wordpress.com/
    Email: [email protected]

    Reply
    • Marco Ferrari | 29 Marzo 2016 at 22:04
       

      Ciao Marco! Ti ringrazio per avermi segnalato la tua azienda che provvederò a inserire nell’elenco sotto Emilia-Romagna. Mi puoi solo confermare che il bestiame viene alimentato esclusivamente con erba, quindi completamente senza cereali?
      Marco

      Reply
  5. paolo | 10 Aprile 2016 at 16:21
     

    io acquisto da qui! http://www.grassfeditalia.com

    Reply
    • Marco Ferrari | 10 Aprile 2016 at 22:34
       

      Ciao Paolo, grazie mille per la segnalazione! Provvedo ad aggiungere il nominativo in lista.
      Saluti

      Reply
  6. Agostino | 22 Settembre 2016 at 09:22
     

    Buongiorno caro Marco…ti vorrei chiedere se sei a conoscenza di qualche sito online che si occupa della vendita di pollame allevato con i metodi tradizionali…grazie

    Reply
    • Marco Ferrari | 23 Settembre 2016 at 09:48
       

      Ciao Agostino, di persona non conosco siti e non ne ho mai usufruito ma facendo una rapida ricerca qualcosa si trova sicuramente come ad esempio questo:
      http://www.polloruspante.it/
      Non ti resta che affidarti al signor Google utilizzando i giusti criteri di ricerca come “pollo ruspante vendita online” – “pollo allevato all’aperto vendita online” e così via…
      Saluti

      Reply
  7. Madeline | 1 Ottobre 2016 at 20:39
     

    Buona sera, io conosco un allevamento di bovini di razza Aberdeen Angus allevati secondo questo metodo; quindi senza l’utilizzo di cereali o farmaci, i bovini sono alimentati solo con erba e vivono praticamente allo stato brado. E’ un azienda molto bella e c’è la possibilità di fare passeggiate per l’allevamento dove si possono vedere appunto questi bovini liberi nei pascoli. Hanno spaccio dove vendono la carne grass fed dei loro bovini. Su richiesta consegnano anche la carne in comode ed economiche confezioni risparmio, ma vale veramente la pena andare a trovarli e vedere come sono tenuti i loro bovini perchè in Italia allevamenti cosi ne conosco veramente pochi. In ogni caso l’allevamento si trova ad Osmate (VA) via delle paludi 10. email: [email protected] Facebook: http://www.facebook.com/Spaccio-carni-Azienda-Agricola-di-Josie-147103199030485/

    Reply
    • Marco Ferrari | 2 Ottobre 2016 at 19:48
       

      Ciao Madeline, ti ringrazio moltissimo per il commento e la dettagliata descrizione davvero molto molto interessante!
      Provvederò entro domani a inserire questo allevamento nell’elenco del post!
      Saluti

      Reply
  8. Ferretti | 7 Novembre 2016 at 19:51
     

    Buonasera sono a Roma sapete se c’è un negozio qui che vende carne alimentata ad erba allo stato brado

    Reply
    • Marco Ferrari | 8 Novembre 2016 at 14:48
       

      Ciao Fabrizio, l’unico nominativo che ho su Roma per ora è l’Azienda Agricola Boccea:
      http://www.agricolaboccea.it
      Non l’ho inserito nell’elenco perché sul sito dichiarano (onestamente) che gli animali vengono sì allevati all’aperto per una parte dell’anno, ma gli viene fornita anche una piccola integrazione di cereali, quindi non può definirsi totalmente Grass Fed.
      In ogni caso rappresenta indubbiamente una scelta migliore rispetto alla carne comune.
      Saluti

      Reply
  9. Giuseppe | 19 Novembre 2016 at 19:21
     

    http://www.Laranteria.it allevamento bovino siciliano tradizionale (grass fed)

    Reply
    • Marco Ferrari | 20 Novembre 2016 at 16:58
       

      Ciao Giuseppe, ti ringrazio moltissimo per la segnalazione. Ho visionato il sito web e ho già provveduto ad inserirlo nell’elenco in articolo sotto la voce Sicilia.
      A presto, complimenti e buon lavoro!

      Reply
  10. Francesco | 4 Febbraio 2017 at 01:49
     

    In Sardegna aggiungerei anche :
    http://www.macelleriavivarelli.it/home.htm

    Reply
    • Marco Ferrari | 4 Febbraio 2017 at 17:10
       

      Ciao Francesco, ti ringrazio per la partecipazione e la segnalazione. Ho controllato il sito dell’allevatore ma purtroppo ho letto che si parla di mangimi e anche se di ottima qualità e dati solo ad un certo punto della vita dell’animale, questo non consente di considerarla carne Grass Fed. Infatti da nessuna parte si nomina tale dicitura.
      Sarà sicuramente una carne nettamente migliore rispetto a quella della grande distribuzione.
      Rimarrà comunque il tuo link qui nei commenti per eventuali interessati della zona.
      Grazie
      Saluti

      Reply
  11. Andrea | 15 Marzo 2017 at 11:16
     

    Bell’elenco grazie. Io preferisco la carne da GrassFed Europe. La mucca scozzese produce una carne squisita!!! http://grassfedeurope.com
    Poi ovvio, acquistando in Italia anziche dall’estero, Irlanda compresa, sostenendo le piccole famiglie (che sono allevatori per GrassFed Europe), second me è politicamente più corretta.

    Reply
    • Marco Ferrari | 15 Marzo 2017 at 20:38
       

      Ciao Andrea, ti ringrazio molto per aver lasciato la tua diretta testimonianza con tanto di prova!
      A presto

      Reply
  12. Anna | 30 Marzo 2017 at 22:10
     

    Utilissimo quest’elenco. Grazie. Il salmone selvaggio ho sempre in casa! 🙂
    Ora sto spettando che mi consegnano le frattaglie (preso da GrassFed Europe). Ho sentito parlare bene. Poi a vedere i prezzi mi sa che per alcuni di noi sarà meglio mangiare frattaglie grass-fed 😉

    Reply
    • Marco Ferrari | 31 Marzo 2017 at 13:31
       

      Ciao Anna, grazie per aver apprezzato l’articolo e per aver partecipato alla discussione. Felice che tua abbia trovato il tuo fornitore ideale.
      Per quanto riguarda il prezzo io mi trovo molto bene da Marco & Elisa, essendo a Torino ci vado di persona e la carne tritata, quella che puoi mangiare cruda o decidere di fare gli hamburger costa 18,99 al kg, direi più che ragionevole. Spesso la lascio intera e me la taglio io a casa…
      I prezzi ovviamente salgono quando uno vuole filetto e scelte del genere.
      Saluti

      Reply
  13. Roberto boscia | 3 Maggio 2017 at 21:04
     

    Sulla carne di grassfed Italia ci metto la faccia e la bocca! È spettacolare!

    Reply
    • Marco Ferrari | 4 Maggio 2017 at 09:05
       

      Vero! E una volta che ti abitui anche per una questione di gusto, non puoi più farne a meno 😉

      Reply
  14. Hans | 4 Maggio 2017 at 09:52
     

    Ciao
    Grazie Marco per l’opportunità e per aver inserito la mia azienda in questo elenco http://www.highland-Italia.com , segnalo l’associazione AIAG grassfed Italia cui siamo i fondatori, AIAG ha firmato l’alleanza con le associazioni mondiali grassfed (America Inghilterra Sud Africa)
    Abbiamo presentato un disciplinare di gestione degli animali al ministero con tre regole fondamentali
    -libertà di pascolo per gli animali
    -alimentazione con l’assenza totale di cereali e concentrati
    -assenza di antibiotici
    Qui potrete trovare altri allevatori seri cui garantiscono l’alimento con l’adesione ad un’associazione riconosciuta che presto avrà la certificazione ministeriale, suggerisco in primis agli allevatori di associarsi perché l’unione fa la forza, poi ai consumatori di consumare carni grassfed italiane.
    http://www.grassfed-aiag.com
    Grazie per l’opportunità
    Hans Quarteroni
    Presidente AIAG

    Reply
    • Marco Ferrari | 4 Maggio 2017 at 15:38
       

      Ciao Hans, sono molto felice che tu abbia letto e apprezzato il mio articolo e grazie per aver lasciato il tuo interessantissimo commento informativo e per aver condiviso il mio post.
      Sono ben contento di provare a sensibilizzare quante più persone possibili su questo argomento.
      A presto e buon lavoro!

      Reply
  15. Hans | 4 Maggio 2017 at 10:13
     

    Ps:condivido l’articolo sul nostro sito con il nostro commento spero faccia piacere.
    http://www.grassfed-aiag.com
    Buon lavoro
    Grazie

    Reply
  16. Cindy | 10 Maggio 2017 at 00:13
     

    Ottimo servizio quest’elenco di nominativi. !!!
    Buona sapere che ci sono finalmente diversi allevatori di carne grass-fed in Italia. Ormai sono anni che acquisto da GrassFed Europe http://grassfedeurope.com e non credo che c’è nulla che potrebbe farmi cambiare.
    La gusta della carne è fuori da questo mondo. Credo che al livello di nutrizione fa una differenza il luogo dei pascoli o meglio la quota. Gli allevatori di GrassFed sono tutti in montagna.
    Per esempio, ho notato che il burro grass-fed, buono e saporito (quasi impossibile a trovare) proviene solo dalla montagna.
    Sarebbe ottima avere un elenco dei masi per procurare il burro. :/
    Nel frattempo continuerò con il grasso sego 😀 da GF Europe.
    Complimenti ancora.

    Reply
    • Marco Ferrari | 10 Maggio 2017 at 16:59
       

      Ciao Cindy, ti ringrazio per aver letto e apprezzato l’articolo e per aver condiviso la tua esperienza personale con il sito citato. Speriamo di riuscire a diffondere sempre di più questo corretto stile alimentare sostenibile e salutare.
      A presto!

      Reply
  17. Daniele Valcavi | 11 Novembre 2017 at 13:41
     

    Sono anch’io un allevatore grassfed, sono della provincia di Reggio Emilia, facendo anche finissaggio a solo pascolo per via dell’anno molto siccitoso ho terminato con un mese di anticipo le macellazioni e riprenderanno per forza di cose (avendo bisogno di almeno 3 mesi di pascolo nutriente)a fine maggio. Finire un anmale a solo fieno è quasi impossibile e, comunque, le caratteristiche della carne non sarebbero paragonabili con un pascolo succulento.
    La mia azienda si chiama Az. Agricola DEL GIGANTE e sono disponibile tutto l’anno anche a visite per fare quattro chiacchiere e spiegare bene quello che faccio in azienda. Ho una pagina facebook : http://www.facebook/Allevamento-a-Pascolo-Del-Gigante

    Daniele

    Reply
    • Marco Ferrari | 12 Novembre 2017 at 10:53
       

      Ciao Daniele, ti ringrazio per la tua importante testimonianza e per la segnalazione.
      Per correttezza dobbiamo però riportare quanto scritto anche sul sito web in merito alla vostra azienda:

      “L’alimentazione al pascolo viene integrata in primavera-estate, quando le vacche sono al pascolo notte e giorno con 2 kg al giorno di granaglie, in inverno invece mangiano prevalentemente fieno prodotto in azienda, ma essendo questo meno nutriente si alza la dose di granaglie fino a 4-4,5 chili a capo. Le granaglie vengono comprate in un mangimificio in zona e sono certificate no ogm.”

      Pertanto sicuramente siamo di fronte ad un allevamento al pascolo di natura etica, da prendere in considerazione per gli utenti della zona, ma il bestiame non può definirsi Grass Fed.
      Saluti
      Marco

      Reply
  18. Patrizia | 29 Dicembre 2017 at 10:46
     

    Buongiorno!
    Vorrei segnalare l’Azienda Agricola Flavio Franco http://www.aziendaagricolafrancoflavio.it/section.php
    come produttrice di carne bovina biologica (ente certificatore ICEA) e grass fed.
    L’Azienda non è ancora iscritta ad alcun ente certificatore per il Grass Fed ma garantisce l’alimentazione rigorosa dei nostri bovini che vivono al pascolo per la maggior parte dell’anno e sono nutriti durante l’inverno con il fieno del territorio (alla sezione relativa all’alimentazione è specificato anche che nell’alimentazione sono incluse le castagne del territorio perché i bovini al pascolo ne sono ghiotti).
    Siamo ancora incerti sulla scelta del gruppo a cui affiliarci a causa della mancanza di una presa di posizione a livello ministeriale di questa tipologia di allevamento ma intendiamo prendere contatto con i vari enti privati esistenti.
    Grazie se potrai aggiungere l’Azienda alla tua lista e complimenti per l’articolo!
    Cari saluti.
    Patrizia

    Reply
    • Marco Ferrari | 31 Dicembre 2017 at 08:31
       

      Ciao Patrizia, ti ringrazio molto per la segnalazione della vostra azienda che ho già provveduto ad inserire nell’articolo, sotto il Piemonte.
      Vi auguro di cuore un buon lavoro e di trovare la strada migliore anche per ciò che riguarda il discorso affiliazione, magari dai un occhio al commento lasciato poco sopra da Hans…potrebbe interessarti.
      C’è tanto bisogno di aziende come la vostra che portino avanti quest’attività, che rappresenta un bene essenziale per tutti…per gli animali stessi, per l’ambiente e naturalmente per il consumatore finale.
      A presto!

      Reply

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto !!
Send this to a friend